Psicomotricità: problem solving

Questa presentazione richiede JavaScript.

Lo scorso anno un bimbo ha portato il suo SLIME  nella stanza di psicomotricità, felice che finalmente mamma glielo aveva comprato. Mi ha chiesto se poteva giocarci con gli altri bambini. Ho accettato . Lo tiravano sullo specchio, sulla lavagna, ridevano …. Nel gruppo c’era anche un bambino con difficoltà di contenimento ed iperattivo. Non riusciva sempre a controllare il suo tono ed i suoi movimenti. Con la vivacità e l’ilarità lo SLIME ha iniziato a volare ovunque. Si stavano divertendo tantissimo.

Io, osservavo e cercavo di non intervenire.

Ad un certo punto lo Slime si è appiccicato sopra la porta. La faccia disperata dei 3 bambini che guardavano lo slime, impossibilitati a prenderlo. Il proprietario si è arrabbiato perchè non lo aveva lanciato lui, l’altro bimbo ha iniziato a piangere ed il terzo mi supplicava di prenderlo.

Si, mi veniva da intervenire subito: prendere lo SLIME e dire di metterlo via per fare un’attività più contenuta. Ma ho deciso di sfruttare la situazione.

Guardavo lo SLIME e dicevo << problema>>. Adesso trovate una soluzione per prenderlo. E così abbiamo passato 20 minuti di “problem solving” in gruppo.

E’ stato interessantissimo.

Prima hanno provato a prenderlo con le mani ma si sono resi conto che erano troppo bassi, poi hanno utilizzato i bastoni ma anche così non riuscivano, in seguito un bambino ha preso una sedia, vincendo la paura dell’altezza,  ma neanche così ci arrivava, gli altri, non molto più alti di lui dicevano << fammi provare a me >>  .

Alla fine hanno capito che potevano utilizzare bastone e sedia. Ma è sorto un problema nel gruppo. Chi l’avrebbe fatto? Chi avrebbe avuto l’onore di riuscire a tirare giù lo SLIME? Si è creata un po’ di tensione e poi hanno deciso che avrebbe provato il bambino che lo aveva lanciato . Gli altri lo rassicuravano e gli dicevano come fare, come muovere il bastone, ecc.

Alla fine sono riusciti!                        E,            com’erano felici

Ancora oggi si ricordano di quell’appuntamento così importante in cui hanno trovato una soluzione ad una situazione che inizialmente sembrava impossibile.

La lezione che ho ricevuto da loro è che anche la ricerca di una soluzione di un problema può essere fonte di piacere .

slime giallo (2)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...